RECENSIONE GLOSYE VENUS: COME MI SONO TROVATA?

di Francesca Pintonglosye

Glosye Venus è un dispositivo 3 in uno: pulizia, massaggio e massaggio gua-sha.

Continua a leggere l’articolo per sapere come mi sono trovata!

 

Pulizia sonica con Glosye Venus

Glosye

Glosye Venus ha una spazzola in silicone ipoallergenico che permette una profonda detersione quotidiana con una leggera esfoliazione. È adatto anche alle pelli più sensibili.

La cosa bella è che la vibrazione è regolabile così potete adattarlo alla vostra tipologia di pelle.

Inoltre è molto più morbido delle altre versioni a pari prezzo.

Massaggio con Glosye Venus

Con il retro del dispositivo puoi massaggiare il viso per far assorbire i prodotti più facilmente. Basta appoggiarlo e sulle zone che si vogliono massaggiare, io di solito lo utilizzo sul contorno occhi in quanto mi aiuta con il gonfiore e le piccole rughe d’espressione.

GUA-SHA con Glosye Venus

glosye

La tecnica skincare del Face Gua Sha è l’evoluzione della tecnica millenaria del Gua Sha di “sfregamento” del corpo, sviluppata per liberare l’organismo da infiammazioni e tensioni attraverso lo strofinamento in punti specifici. Applicata alla cura e alla bellezza della pelle del viso, scioglie contrazioni e tensioni muscolari. Ma non solo: al tempo stesso, stimola la circolazione sanguigna e linfatica a livello profondo eliminando i gonfiori (è un vero portento per le occhiaie) e distendendo gradualmente il volto. Agisce, inoltre, sulla pelle del viso, con un vero e proprio effetto anti-aging rassodando i muscoli facciali, modellando visibilmente i contorni, rendendo la pelle più elestica e omogenea, uniformando la carnagione e riducendo disidratazione o eccessiva produzione di sebo.

 

Come si utilizza il GUA-SHA?

Avvolgi la pelle in una generosa quantità di olio viso o di crema idratante molto ricca. Applica su tutto il volto e sul collo, inclusi i lati e la parte posteriore.

Comincia partendo dal lato posteriore del collo, i movimenti partiranno dalla base del collo e termineranno all’attaccatura dei capelli, con una direzione dal basso verso l’alto. La pressione deve essere minima e i movimenti fluidi.

Passa ai lati, dove farai scivolare il gua-sha, senza quasi alcuna pressione, dalla clavicola fin sotto l’attaccatura dell’orecchio.

Fai lo stesso movimento leggerissimo concentrandoti sulla parte anteriore, con movimenti dal basso verso l’alto che arriveranno sino alla parte inferiore del mento.

Spostati sull’osso della mandibola: metti il dito della mano libera sul mento per tenere ferma la pelle mentre farai scivolare il tuo tool utilizzando in questo caso il lato superiore del cuore, in mezzo alle due curve.

Segui la linea della mandibola partendo dal centro del mento e risalendo fino all’attaccatura dell’orecchio. Ripeti sull’altro lato.

Sali verso la guancia, in un unico movimento, parti dall’angolo esterno della bocca e sali fino alla tempia, distendendo tutta la guancia e lo zigomo. Tieni la pelle ferma con la mano libera mettendo un dito sopra il labbro. Ripeti sull’altro lato.

Con la stessa parte del tuo Gua Sha, massaggia l’arcata sopracciliare (percorrendo il sopracciglio) dall’interno all’esterno, prima da un lato poi dall’altro.

Passa alla fronte, che andrai a trattare con la parte concava più lunga. Prima la parte centrale, dal punto in mezzo alle sopracciglia fino all’attaccatura dei capelli, con movimenti dal basso verso l’alto. Poi i rispettivi lati, dal sopracciglio all’attaccatura dei capelli.

Perché il GUA-SHA di Glosye è diverso dagli altri?

Perché grazie alla sua tecnologia vibra e quindi aumenta le potenzialità di questo massaggio.

Cosa ne penso?

Trovo sia il miglior prodotto in quella fascia prezzo in quanto è di buona qualità e nessun altro competitor ha 3 funzioni. Inoltre ha un cavo per la ricarica, anche se in realtà la carica dura mesi. Per me è promosso e nel tempo ho visto dei miglioramenti sulla mia pelle, soprattutto con la funzione pulizia in quanto rimuove molto bene le impurità!

 

Se volete leggere altri articoli di Francesca Pinton potete trovarli sul suo blog.

Instagram: @pintonfrancesca